Il migliore ciuccio!

La storia del ciuccio

Ciuccio, succhietto, ciucciotto: tre nomi per indicare un oggetto che molti genitori letteralmente amano. Parliamo di una sorta di tettarella di gomma o caucciù, utilizzata per calmare e conciliare il sonno dei bambini: tramite la suzione, un gesto naturale, il piccolo potrà auto tranquillizzarsi per mezzo del capezzolo artificiale con impugnatura.

Sembra che già 3000 anni fa i genitori di Cipro e quelli del nostro Paese già potessero contare sui benefici di ciucci molto primitivi: stando ai ritrovamenti, venivano creati degli appositi animaletti di argilla, in grado di rilasciare miele dalla bocca, che le mamme e i papà portavano appesi al collo.

La forma di ciuccio che siamo abituati a vedere nei giorni nostri, risale al 1900, quando negli USA fu brevettato il baby comforter.

I materiali di realizzazione dei succhietti

La maggioranza dei succhietti in commercio sono realizzati in caucciù e silicone: il primo è un materiale naturale, una gomma conosciuta per essere estremamente resistente, elastica e soffice.
Il secondo è un materiale in grado di mantenere intatte le proprie caratteristiche, senza il rischio di eventuali danni causati dal sole o dal calore, ed è inodore e insapore.

ciuccio materiale

La differenza principale tra i due tipi di ciuccio sta nel fatto di dover cambiare più spesso il modello in caucciù rispetto a quello in silicone (medico): il primo tipo, già solo con le sterilizzazioni quotidiane, tenderà in breve tempo a disfarsi; il secondo sopravviverà senza troppi problemi fino allo spuntare dei dentini.

Il ciuccio e le sue forme

Oltre a essere disponibili materiali resistenti e molto validi come caucciù e silicone medico, esistono anche tante forme di ciuccio: le più diffuse sono l’anatomica, quella a ciliegia e quella a forma di goccia.

Anatomico: il ciuccio segue l’anatomia della bocca, adeguandosi alle sue forme; è schiacciato e ha la punta rivolta verso il palato.

A ciliegia: sono succhietti con forma del tutto analoga a quella del capezzolo.

A goccia: si tratta di quella categoria di ciucci con forma asimmetrica e piuttosto allungata.

A seconda dell’età del nostro bambino, potremo scegliere ciucci differenti per dimensioni e tipologia di materiali (principalmente la morbidezza cambierà): esistono, dunque, succhietti per bambini neonati, ciucci per bambini di età compresa tra i 4 e i 6 mesi e infine per bambini con età superiore all’anno.

Il ciuccio migliore

Quale sia il ciuccio migliore è una scelta molto personale e differente da bebè a bebè: sicuramente sarà lui a dirci se quello che abbiamo scelto è perfetto per le sue necessità!

tipi di ciuccio

Se il bebè inizierà la suzione con piacere e sarà praticamente impossibile togliergli il succhietto dalla bocca, allora vorrà dire che la loro amicizia sarà iniziata nel migliore dei modi 😉 ; viceversa, se lo sputerà dopo qualche secondo, allora quello non sarà il ciuccio prediletto.

In particolare, stabilire quale sia il miglior ciuccio per ogni bambino, diventa ancor più difficile considerate le diverse tipologie in base all’età: ne esistono di migliori e di peggiori, il nostro consiglio è comunque quello di provare, acquistandone uno adatto per forma e tipologia. Sarà il bebè il giudice indiscusso! 🙂

Le migliori marche

Tra le migliori marche di succhietti in commercio, troviamo tanti nomi molto validi: Chicco, primo fra tutti, MAM, Nuby e Nuk sono i migliori produttori di ciucci, sicuri e perfetti per ogni bebè.

A ogni bambino il suo succhietto

succhietto

Oltre alla questione relativa alla scelta del materiale e della forma del ciuccio da dare al proprio bambino, non possiamo certo tralasciare la questione legata allo stile: per ogni femminuccia e per ogni maschietto esistono colori e forme appositamente studiate.

Quindi avremo succhietti per maschi bianchi, azzurri, verdi o gialli, e succhietti per femmine, in rosa, argento e oro, con disegni femminili e magari qualche glitter 😀 .

La corretta sterilizzazione del ciuccio

Sterilizzare, specie quando si ha a che fare con un bambino, è fondamentale: immergendo un prodotto col quale lui sta spesso a contatto in dell’acqua molto calda, si potranno eliminare batteri e agenti patogeni/non patogeni.

Il ciuccio, specialmente nei primi sei mesi di vita, durante i quali il piccolo sviluppa il proprio sistema immunitario, deve essere sempre sterilizzato: oggi, in commercio, esistono appositi prodotti, come scatoline porta-ciucci e sterilizzatori.

È sempre meglio non immergere il succhietto in soluzioni chimiche, poiché potrebbero rimanere residui, qualora non si procedesse a un risciacquo davvero ben approfondito.

Dove acquistare il ciuccio

Il ciuccio è un prodotto facilmente reperibile nei negozi specializzati in articoli per bambini e in farmacia: scegliendo, però, di acquistarne uno in rete potrebbe avere dei grandi vantaggi. I grandi retail, come Amazon, propongono offerte molto interessanti: potrete, per esempio, trovare l’edizione limitata di un succhietto, difficile da reperire in farmacia specie se vivete in un piccolo paese.

Potrete addirittura acquistare tre ciucci a un prezzo davvero interessante, in modo da coprire le necessità del vostro piccolo fin quando non arriverà il momento di fare in modo che si tranquillizzi da solo, una volta superato l’anno e mezzo di età.

Consigli last minute: come comportarsi col succhietto!

ciuccio-bambinoPer concludere, vogliamo darvi qualche consiglio dell’ultimo momento per comportarvi nella maniera migliore possibile con il succhietto e il vostro bebè:

  1. Lascia che sia il piccolo a scegliere qual è il ciuccio che preferisce: acquistarne un certo modello, dopo, magari, aver fatto delle prove e aver visto che proprio quella forma o quel materiale non fa al caso suo, non sarà affatto produttivo!
    Fai qualche test per notare qual è il preferito del piccolo e, successivamente, procedi ad acquistarne qualcun altro di riserva, dato che sicuramente molti succhietti si perderanno misteriosamente! 🙂
  2. Assicura che il ciuccio sia sempre ben saldo e protetto con la catenella apposita: i bambini, raggiunta una certa età, adorano sputare e lanciare a terra il proprio succhietto.
  3. Il succhietto non è il seno materno: preferisci tranquillizzare il piccolo dandogli la pappa quando è l’orario prestabilito. Il ciuccio è soltanto un sostituto, una specie di tranquillante da dare a un bebè durante i primi mesi di vita. Inoltre, cerca di utilizzarlo con parsimonia: non essere pronta a darglielo non appena piange o si dimena, cerca prima di capire il perché!

6 commenti per “Ciucci e Succhietti”

  • Federica

    ciao mi potete consigliare quale ciuccio comprare ?
    Vorrei sapere se è meglio il ciuccio in silicone o caucciù, e anche la forma.. secondo voi è meglio un succhietto a goccia, anatomico o a ciliegia per il mio bambinino di quasi 1 mese ?

    Rispondi
    • admin

      Ciao Federica,
      considerata l’età del tuo piccolo ti consigliamo di valutare l’acquisto del MAM Night, indicato per bambini dagli 0 ai 6 mesi. È un prodotto in silicone morbidissimo che si illumina al buio, per questo motivo è facile ritrovarlo anche di notte, non scivola di bocca essendo anatomico e vengono accettati benissimo dai bebè.

      Rispondi
  • Deborah

    Ciao, ho un bambino di un anno e cinque mesi e non ha mai preso il ciuccio.
    Io lo sto ancora allattando al seno ma vorrei smettere, prima che diventi sempre più difficile. Spesso mio figlio si attacca al seno non per mangiare (é oramai del tutto svezzato) ma unicamente per succhiare ed addormentarsi. Quindi mi chiedevo se fosse il caso di provare a dargli il ciuccio al posto del seno. Cosa mi consigliate? Riuscirei a togliergli il seno più facilmente? E quale tipo di ciuccio dovrei scegliere?
    Grazie

    Rispondi
    • admin

      Ciao Deborah,
      ti consigliamo di consultare il pediatra, considerato che generalmente, da un anno di vita in poi, si dovrebbe iniziare a togliere il ciuccio ai bebè. Il consulto del medico specializzato sicuramente ti sarà utile per comprendere cosa sia meglio per il tuo bambino.

      Rispondi
  • Angela

    Salve Tommaso ha 2 anni e usa ancora i ciucci mam taglia 6+ …secondo voi devo cambiare taglia? Vedo che si trova bene cn questa taglia..grazie

    Rispondi
  • Fabiana

    Salve,
    Sofia ha 3 mesi ed inizia ad avere molta salivazione tant’è che spesso mordicchia il ciuccio.
    Utilizziamo quello della MAM anatomico,come per il biberon,e volevo capire cosa poterle dare ora fino ai 6 mesi.

    Rispondi
  • E tu, cosa ne pensi?

    © 2016 Ciuccio e Succhietto